Logo
focsiv

Impegnarsi in prima persona per un mondo migliore. A volte basta una firma. Aderisci e diffondi le nostre campagne!


Suicidio Amina, firma contro la violenza sulle donne in Marocco

Avaaz avvia una raccolta firme per abolire la legge che in Marocco permette ad uno stupratore di sposare la propria vittima e non andare in carcere. La campagna, avviata dopo il caso di suicidio di Amina Filali, sta riscuotendo grande successo e mira a fare pressione sul parlamento marocchino per una riforma del codice penale.

Leggi Tutto

Tratta minori: la società civile scende in campoPresentata nei giorni scorsi una petizione all’Unione Europea: 2,3 milioni di firme raccolte in Europa, oltre 6 milioni in tutto il mondo per combattere lil sex trafficking dei minori. Più di un milione sarebbero i minori vittime di sfruttamento sessuale. In Italia approvata la legge per l’istituzione del Garante Nazionale per l’infanzia e l’adolescenza.

Di fronte alla crescente vulnerabilità dei bambini, Ecpat International e The Body Shop hanno lanciato nel 2010 la campagna Stop Sex Trafficking che ha raggiunto un importante traguardo nei giorni scorsi a seguito della presentazione della petizione firmata da oltre due milioni di europei schierati a fianco dei più piccoli coinvolti nell’ambito del traffico di esseri umani, terza industria criminale al mondo dopo quelle delle armi e della droga. Secondo Marco Scarpati, Presidente di ECPAT-Italia“Contro questo mercato criminale ben organizzato che rischia di essere ingrossato dalla crisi odierna, la campagna di ECPAT e  The Body Shop risulta essere la risposta giusta al momento giusto. Una campagna di stretta attualità.” La petizione chiede all’Unione di accelerare il recepimento da parte degli Stati membri della direttiva proposta dal Commissario Cecilia Malmstrom, responsabile per gli affari interni, la quale dice “La direttiva che ho proposto contribuirà ad ostacolare gravemente ciò che può essere classificato come una forma moderna di schiavitù” aggiungendo poi, a fronte dei milioni di firme presentate, “mi impegno a fare il meglio per garantire che gli Stati membri diano priorità all’attuazione della direttiva”.


La reazione della società civile si scontra infatti con l’atteggiamento degli Stati. Christopher Davis, direttore internazionale delle campagne di The Body Shop afferma che “oggi, solo nove Stati membri dell’UE hanno sviluppato politiche anti-traffico che prevedano misure adeguate per affrontare specificamente la tratta di bambini (Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Irlanda, Polonia, Spagna, Svezia e Regno Unito)”.


E l’Italia? La scorsa settimana ha approvato in via definitiva la legge che istituisce il Garante Nazionale per l’infanzia e l’adolescenza: “Oggi si è scritta un’importante pagina della storia dell’infanzia in Italia con una scelta lungimirante che tutela il futuro e la crescita di tutti i bambini e gli adolescenti che vivono in Italia, senza alcuna distinzionecommenta Vincenzo Spadafora, Presidente del Comitato italiano per l’UNICEF. La legge è stata approvata dopo un lunghissimo iter legislativo che ha però permesso di garantire a questa nuova figura l’indipendenza e la copertura finanziaria necessarie per portare a termine i compiti affidatigli. Ora, UNICEF e Save the Children sperano nella veloce nomina di una persona capace e con un’esperienza pregressa nel settore.

“Ci auguriamo che il Garante sia nominato in tempi brevi, e che si impegni operativamente sul campo, in rete con tutti i soggetti territoriali, per una piena attuazione dei diritti di tutti i minori, a partire da quelli che vivono in Italia le condizioni più difficili” sottolinea Claudio Tesauro, Presidente di Save the Children Italia, concludendo con un obiettivo importante: “la necessità che i bambini e gli adolescenti possano entrare in contatto con il Garante Nazionale e che siano coinvolti in modo partecipativo nelle iniziative e attività che saranno sviluppate da tale figura”.

Leggi Tutto

Campi Rom, appello per fermare gli sgomberi

L'Associazione 21 luglio ha lanciato la campagna “Il diritto all'alloggio non si sgombera”, contro le azioni che il Comune di Roma ha pianificato nei confronti delle comunità rom e sinte, violando i più elementari diritti umani e incurante delle raccomandazioni europee. L’appello arriva un anno dopo l’incendio al campo di Via Appia Nuova, dove persero la vita quattro bambini.

Leggi Tutto

Una wiki-legge per frenare la speculazione22 giugno 2011: in occasione del Global day of action per la tassa sulle transazioni finanziarie la Campagna 005 presenta la prima “wiki-legge” per frenare la speculazione e per finanziare politiche sociali e ambientali

Leggi Tutto

La Sardegna dice NO ai radar militari

15 radar per controllare traffici illeciti e immigrazione clandestina sulle coste sarde. In realtà un sofisticato progetto di sorveglianza e controllo elettronico militare denominato C4I, dannoso per la salute dei cittadini. Ma l’isola non ci sta e decide di manifestare il suo dissenso. Appuntamento nelle piazze previsto per il 7 gennaio.

Leggi Tutto

Sblocchiamo i dirittiNati per proteggere le invenzioni industriali e favorire l’innovazione tecnologica, i brevetti vengono sempre più spesso applicati alla vita stessa: dalle piante che nutrono ai farmaci che curano. La Campagna “Sblocchiamoli” mette in luce gli effetti dei diritti di proprietà intellettuale sui diritti fondamentali a cibo, salute e saperi. Affinché siano questi ultimi a prevalere. Nel nord come nel sud del mondo

Leggi Tutto

Robin Hood Tax: mettici la faccia

La Focsiv insieme alla campagna ZeroZeroCinque lancia un video virale per diffondere la proposta di una Robin Hood Tax a livello europeo. La novità? Il protagonista del video sei tu.

Leggi Tutto

Una firma per l'acqua pubblica

No alla privatizzazione dell’acqua: è questo lo slogan della campagna del referendum per abrogare la legge approvata dall’attuale governo nel novembre 2009, che porta a considerare l’acqua come una merce e non come un bene comune.
Già avviata la raccolta firme in tutta Italia

Leggi Tutto

L’Italia sono anch’io

Parte la raccolta firme promossa dalla campagna “L’Italia sono anch’io” con un duplice obiettivo: garantire la cittadinanza ai ragazzi d’origine straniera nati e cresciuti nel nostro paese e agli adulti con regolare permesso di soggiorno da 5 anni. E concedere agli immigrati il diritto di voto alle amministrative.

Leggi Tutto

 Sicurezza a Ciudad Juarez

Azione-appello di Amnesty International contro il “femminicidio”

Leggi Tutto

Giornata internazionale degli scomparsi

Non dimenticare. Oggi 30 agosto 2011 si celebra la 28esima Giornata internazionale degli scomparsi.  Amnesty International ricorda la lotta e la richiesta di giustizia delle vittime di sparizioni forzate e delle loro famiglie.

Leggi Tutto

Nutella contro il Borneo?

Petizione di Greenpeace contro la deforestazione

Leggi Tutto

ENAAT: stop al commercio di armi con Israele

Appello delle Ong europee all’Unione, e all’Italia, affinché si ponga fine al commercio di armi con Israele. 7,8 miliardi di euro è il valore dell’esportazione di armi italiane nel mondo. L’82% degli 11.2 milioni di euro di armi leggere esportate parte da Brescia. 58 milioni di euro il valore delle importazioni italiane da Israele.

Leggi Tutto

No allo scudo spaziale

Petizione europea su www.nonviolence.cz

Leggi Tutto

Newsletter

 

Corsi e webinar di Ong 2.0

Lavorare nella cooperazione internazionale, il nuovo percorso di formazione 2017

outdoor-1807522 1
Dal risk management nei Paesi a rischio, all’amministrazione di un progetto; dal Project Cycle management, all’approccio di genere fino alle…