Logo
focsiv

Ultim'ora dall'Italia e dal mondo


Ambientalismo-spaccato-sui-risultati-della-COP-21-e1450102126144Il testo dell’accordo universale sul cambiamento climatico è stato adottato.  La mobilitazione di massa ha costretto i politici a fare riferimento all’obiettivo di limitare l’innalzamento della temperatura agli 1,5 gradi centigradi, a menzionare il concetto di giustizia climatica e a dare un segnale all’industria dei carburanti fossili che il suo tempo è finito. Ma basta? La posizione di Focsiv, CIDSE e Caritas Internationalis

L'esporto di armi nei paesi in conflitto per l'Italia è proibito per legge, ma attualmente le procedure non consentono di analizzare i passaggi degli armamenti da un paese all'altro. Ecco il perché le ONG si sono unite in un appello al governo Renzi per controllare l'esporto di armi verso lo Yemen, dove si sta consumando un conflitto di cui non si parla, ma che può essere definito come una "catastrofe umanitaria".

 

Chiunque si sia laureato o abbia assistito alla laurea di qualche caro sa che l’ottenimento del titolo rappresenta un momento di felicità intensa.

Il 19 novembre è stato questo per 30 laureandi del Sud Sudan che - dopo tante attese e molti studi - hanno potuto finalmente celebrare con le loro famiglie il bellissimo evento.

Collage io ci stoUn Percorso di Formazione alla Mondialità con incontri mensili e week end residenziali che culmina nell'esperienza di volontariato diretto nei paesi in via di sviluppo o nelle realtà più disagiate del nostro territorio. E' la proposta dell'ong Amici dei Popoli, che apre le iscrizioni per il nuovo anno e raccoglie le esperienze di chi l'ha già fatto, come Francesca che ha passato l'estate con i raccoglitori di pomodori in Puglia o Paolo che ha lavorato i bambini delle elementari in Rwanda.

  “Ciò che conta non è fare molto, ma mettere molto amore in ciò che si fa.”

 Madre Teresa di Calcutta

LVIA racconta una storia di cooperazione che in 50 anni ha visto la realizzazione di 600 Km di acquedotto che danno acqua 522mila persone nel Meru

A cura di Lia Curcio

Attivisti da tutto il mondo in marcia per sensibilizzare governi e opinione pubblica sugli effetti dei cambiamenti climatici, in vista della Conferenza COP21 sul Clima che si svolgerà a Parigi il prossimo dicembre.

A cura di CISV

È online il reportage vincitore del DevReporter Grant che racconta l’altra faccia di uno dei paesi più poveri al mondo: la Guinea Bissau. 

1200 chilometri di pellegrinaggio per la società civile per cambiare clima della terra: un mese e tanti motivi per percorrerli.

 

A cura di FOCSIV

 

african-media-2Si terrà l'11 e 12 dicembre a Milano il corso ISPI dedicato al rapporto tra media e sviluppo, organizzato in collaborazione con Volontari per lo Sviluppo. Tre i filoni di analisi: il ruolo dei media nella democrazia a Nord e a Sud del mondo e l'utilizzo partecipativo di metodi e strumenti della comunicazione nei programmi di sviluppo.

Dall'ospitalità alle marmellate, passando per pozzi, empowerment femminile e alfabetizzazione. I primi sei mesi di Piero Meda, coordinatore del progetto "Jardins das Mulheres", in Guinea Bissau. 

La necessità di decrescere e dematerializzare è ormai chiara a tutti, come dimostra la partecipazione crescente alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti. Tra gli enti partecipanti anche CELIM. 

Il report di CeSPI, FOCSIV e WWF: in 6 anni oltre 150 milioni di persone sono fuggite da alluvioni, tempeste e siccità. Le fasce più povere sono quelle più vulnerabili. 

Dare spazio al dialogo? Includere la cittadinanza?
Come far conoscere a chi non se ne occupa il mondo della cooperazione?
South4South è un progetto di COPE che prova a intraprendere questa strada.  

Un articolo a cura di COPE

CIDSE, insieme a FOCSIV e oltre 50 leader di organismi internazionali della società civile e intellettuali di fama mondiale, lanciano un appello ai leader politici riuniti al vertice ONU sugli obiettivi per lo sviluppo sostenibile. L’obiettivo dell’appello è quello di spingere affinché vengano sottoscritti impegni concreti per una riforma del sistema economico e finanziario -condizione essenziale per eliminare la povertà e la fame-, in modo che si modifichino i modelli di produzione e consumo che risultano insostenibili.