Logo
focsiv

Ultim'ora dall'Italia e dal mondo


E' la data in cui la nostra Impronta ecologica supera la capacità di rigenerazione del pianeta. Da oggi l'umanità ha esaurito il budget naturale di questo anno e sta vivendo in una “situazione di sovrasfruttamento”

Cinque attivisti siriani per i diritti umani sono trattenuti da oltre un anno in un carcere di Damasco con l’ accusa di aver diffuso materiale terroristico.

 

Esplode la moda della vacanza "buona" che abbina mare e relax a visite a orfanotrofi e contadini. A confermare il trend il discusso reality di Rai 1 nei campi profughi. Ma questa tendenza aiuta od ostacola l'informazione e il miglioramento delle condizioni di vita nei paesi poveri? Le riflessioni di una cooperante di progetto Mondo-Mlal in Mozambico 

di Lucia Filippi

Il 4% il totale dello spazio dedicato alle crisi umanitarie dai telegiornali italiani nel 2012. Trenta notizie sull’ipotesi della fine del mondo secondo i Maya e zero servizi sul dilagante aumento di malaria in Repubblica Centrafricana. La denuncia è di Medici Senza Frontiere con l’ultimo rapporto annuale.

La cooperazione internazionale potrebbe diventare parte integrante della politica estera dell’Unione Europea, nonché una delle poche voci della spesa comunitaria che escono rafforzate dalle trattative per il bilancio 2013-2020.

È iniziato in Senegal il viaggio del presidente degli Stati Uniti nel continente africano. Dopo la sua prima visita in Ghana nel 2009, durata solo 36 ore, Obama torna in Africa fino al 3 luglio per nuovi investimenti a sostegno dello sviluppo. Dopo il Senegal, altre due tappe: Sudafrica e Tanzania.

Il capo dell’agenzia ONU per i rifugiati chiede alle Nazioni Unite di lavorare insieme ai paesi che stanno garantendo accoglienza ai profughi siriani: unire gli sforzi alla ricerca di una risoluzione pacifica dei conflitti che stanno insanguinando la Siria.

 E' arrivata ad una soluzione temporanea la discussione alla Camera dei Deputati sull’acquisto dei cacciabombardieri F35, una mediazione che, cercando di accontentare tutti, non soddisfa nessuno.

In attesa delle presidenziali in Mali previste per il 28 luglio, sono stati registrati i primi scontri a Kidal, nella notte tra giovedi 18 e venerdi 19 luglio. È stata confermata la morte di un civile per uno scontro a fuoco tra un gruppo di Tuareg, accusato di appartenere al MNLA (movimento nazionale di liberazione dell’Azawad, a nord del paese) e la popolazione di Kidal. Gli scontri sarebbero avvenuti a causa del presunto arrivo di nuove truppe dell’esercito maliano in città. 

Stefania Guida 

Oggi alla Camera dei Deputati è in corso la discussione sulla mozione avanzata da 158 parlamentari di PD, SEL e M5S che chiede la cancellazione dell’Italia dal programma di realizzazione di 90 cacciabombardieri F35 Joint Strike Fighter. La società civile si mobilita con la campagna di raccolta firme “Taglia le ali alle armi”.

Rifugiati e migranti provenienti da zone di guerra come Afghanistan e Siria vengono illegalmente respinti dalle coste greche per essere rispediti verso la Turchia. Quelli che approdano in Europa, invece, subiscono detenzione e maltrattamenti. Amnesty International pubblica un report per denunciare ciò che sta accadendo.

Ha avuto il culmine questa notte una delle più grandi proteste organizzate contro il governo in Brasile da almeno vent'anni. Iniziata la scorsa settimana a San Paolo come manifestazione contro l'aumento delle tariffe dei mezzi di trasporto pubblici, nella notte tra lunedì 17 e martedì 18 hanno toccato almeno dodici grandi città del paese come Brasilia, Belo Horizonte, Porto Alegre, Salvador, Bele'n, Vitoria e Curitiba coinvolgendo 200 mila persone.

Dopo lo sbarco di 102 persone, di cui 41 donne e due bambini, lo scorso 9 luglio Muscat aveva dichiarato che avrebbe acquistato un biglietto aereo con destinazione Libia per i nuovi arrivati. Il 10 luglio 11 ONG maltesi si erano mobilitate richiamando l’attenzione internazionale sul respingimento di immigrati dalle coste europee e ora il primo ministro ha ritirato la sua decisione.

di  Stefania Guida 

traversata NorbertoLa traversata della Tanzania in handbike è un'impresa promossa dall'ong CEFA insieme a Norberto De Angelis con l'obiettivo di portare alla luce il problema della disabilità in Africa.

Questa avventura vede come protagonisti il campione sportivo Norberto De Angelis, ex giocatore della nazionale italiana di football americano, rimasto disabile a causa di un incidente stradale durante un periodo di volontariato in Tanzania e l'ong CEFA, da più di 40 anni è impegnata nella cooperazione internazionale e di cui Norberto era volontario. Insieme stanno promuovendo il progetto LESS IS MORE, a sostegno dei disabili: il nome prende spunto dall’acronimo Labour, Empowerment, and Social Services, sposando perfettamente il concetto secondo il quale una mancanza non si esaurisce in una privazione, ma restituisce la coscienza di una lotta più dura e un grido più forte per far arrivare la propria voce.

 

Norberto e i suoi compagni attraverseranno la Tanzania da ovest a est, 750 km su strade difficili e impervie per lanciare il messaggio che un disabile può essere protagonista della propria vita e solidale nei confronti di quella degli altri.

 

Una sfida per lui e per i disabili tanzaniani, perché nell’Africa Subsahariana la vita dei disabili è sofferenza più che altrove, perché sono considerati una disgrazia e un peso per la famiglia e la comunità. 

I compagni di viaggio di Norberto saranno coloro che in questi mesi hanno già colto o coglieranno la sfida  lanciata dall'ong tramite il CEFA Challenge un contest solidale che permetterà a dei volontari di partecipare alla traversata che inizierà il 10 ottobre.

 

Chi vuole partecipare  deve organizzare degli eventi di raccolta fondi per sostene il progetto LESS IS MORE. Tutti quelli che raggiungeranno il target  richiesto visiteranno  di persona il progetto per cui hanno raccolto i fondi e altri progetti CEFA in Tanzania diventando testimoni di un avventuroso viaggio di cicloturismo insieme a Norberto De Angelis.

 

Il Comitato Italiano Paralimpico ha accolto con entusiasmo l’impresa e ha deciso di patrocinarla. Anche la Gazzetta dello Sport ha deciso di abbracciare il progetto promuovendolo attraverso uno degli eventi più importanti dell’anno: Norberto De Angelis parteciperà al Giro D’Italia, alla tappa di Vicenza il 22 maggio tagliando il traguardo prima dei ciclisti in gara.

 

 

Global Voices

8 Marzo | Uganda, 19enne eletta al Parlamento

tizia uganda
Proscovia Alengot Oromait eletta lo scorso settembre al parlamento ugandese, è la più giovane eletta in Africa. La sua nomina fra…

Le inchieste di VPS

Dietro Kony 2012 la guerra alla Cina

africom2
Countdown per l’appuntamento del 20 aprile della campagna Stop Kony 2012 che mobilita la società civile mondiale per l’arresto del capo…

Voci dal sud

Mali, ripartire dal pastoralismo con Cisv

cisv agricoltura
Per lasciarsi alle spalle gli strascichi della guerra e la crisi alimentare, nel Paese saheliano occorre puntare al rilancio del settore…

Filo diretto con

Siria | La guerra di Nadia e Ahmad #2

ribelli-allenamento-siria-ugo-borga
Partiamo per la provincia a Sud di Idlib, sotto incessanti bombardamenti dell’aviazione di Damasco. A bordo del service sono tutti civili.…

Migrazioni

Cercavano la dignità, hanno trovato la morte Lampedusa, un anno dopo

Lampedusa, 3 ottobre 2013: si vedevano le prime luci dell’alba quando un barcone con 500 persone prese fuoco e naufragò a meno di un miglio…

Newsletter

 

Corsi e webinar di Ong 2.0

Lavorare nella cooperazione internazionale, il nuovo percorso di formazione 2017

outdoor-1807522 1
Dal risk management nei Paesi a rischio, all’amministrazione di un progetto; dal Project Cycle management, all’approccio di genere fino alle…