Logo
focsiv
Condividi

«7 miliardi di persone da sfamare. Un pianeta da raffreddare. Qualche domanda?». Questo uno dei provocatori slogan che un gruppo di ricercatori dell’Università di Sheffield, nel Regno Unito, ha utilizzato per lanciare il nuovo progetto ‘ID100: The Hundred Most Important Questions in International Development’.

banner feed-coolL’ambizioso obiettivo: identificare attraverso una consulta ampia e partecipativa le domande più urgenti da affrontare affinché la nuova agenda internazionale dello sviluppo post-2015 venga affrontata rispondendo a esigenze e priorità reali e condivise.

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio che hanno dominato la logica e le azioni della cooperazione internazionale dal 2000 ad oggi stanno per arrivare al capolinea. A meno di un anno dalla scadenza, inizia a delinearsi un quadro dei successi e fallimenti di questo sforzo internazionale per alleviare grandi drammi del nostro tempo come la povertà estrema, la malnutrizione infantile, le malattie infettive, il degrado ambientale... Solo tre degli otto obiettivi pare saranno raggiunti mentre gli altri resteranno in eredità alla nuova agenda post-2015.

Nel 2010, le Nazioni Unite hanno lanciato la campagna World We Want cercando di raccogliere idee e generare un dibattito intorno a 11 temi prioritari: disuguaglianza, salute, educazione, crescita e impiego, sostenibilità ambientale, governance, conflitti, dinamiche demografiche, sicurezza alimentare, energia e acqua. L’obiettivo di ID100 è raccogliere domande intorno a questi temi (e oltre) attraverso un processo ampio e partecipativo. Organizzazioni e persone che si occupano di sviluppo internazionale a tutti i livelli e da ogni parte del mondo sono invitate a inviare i loro quesiti.

 

I contributi ricevuti saranno oggetto di dibattito e di una votazione durante due giornate di workshop con un gruppo di esperti provenienti da tutto il mondo. Le 100 domande selezionate saranno infine pubblicate in un articolo accademico e in un report mirato a influenzare l’agenda internazionale e la discussione sui nuovi obiettivi di sviluppo.

Le domande possono essere inviate entro il 30 maggio attraverso un formulario online o via mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), seguendo le istruzioni disponibili sul sito del progetto: www.sheffield.ac.uk/id100.