Logo
focsiv
Condividi

La vecchia carta di soggiorno é stata sostituita dai Paesi della Comunitá Europea con il nuovo “permesso CE per soggiornanti di lungo periodo”. Essa come lo era la carta di soggiorno é il documento che permette di stare in Italia a tempo indeterminato e rappresenta la prima tappa per chiedere la cittadinanza.

L’extracomunitario puó chiedere il permesso alla Questura, se vive in italia da almeno cinque anni, e non piú sei anni come prevedeva la vecchia normativa. Possono richiederla gli immigrati regolarmente residenti in Italia da almeno cinque anni e titolari di un permesso di soggiorno in corso di validitá per un motivo che consente un numero indeterminato di rinnovi.

Non possono peró presentare domanda chi é titolare di un permesso per studio, motivi umanitari, formazione professionale, protezione temporanea e asilo oppure di un permesso di breve durata (tipo studio e business).

Lo straniero, titolare di un permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciato da altro Stato membro dell’Unione Europea e in corso di validita puó chiedere di soggiornare in Italia per un periodo superiore ai tre mesi: nel caso in cui voglia esercitare un’attivitá economica in qualitá di lavoratore subordinato o autonomo; nel caso in cui voglia frequentare corsi di studio o di formazione professionale in Italia ed infine nel caso in cui voglia soggiornare per ogni altro scopo lecito in Italia.

La Questura dopo le verifiche di rito rilascierá un permesso di soggiorno speciale per queste categorie di soggetti giá titolare di altro permesso di soggiorno CE in altro Stato comunitario.

In tutta Europa il permesso CE per soggioranti di lungo periodo conferisce importanti vantaggi: dando diritto alle prestazioni di assistenza e previdenza sociale, alle erogazioni in materia sanitaria, scolastica e sociale e ai servizi e ai beni a disposizione del pubblico, come ad esempio le case popolari.

Gli extracomunitari, titolari di pemesso CE in tutta Europa sono quasi 15 milioni di persone, le categorie che si muovono all’interno della CE sono per lo piú o studenti o persone che svolgono lavori di alta specializzazione quali infermieri, medici, ingegneri, tecnici.

La richiesta per ottenere tale permesso deve essere inoltrata alla Questura competente il tempo necessario per preparare tutti i documenti si aggira da 5 ai 10 giorni; il tempo di valutazione da parte dell’autorità competenti può variare dai 15 ai 20 giorni. Alla presentazione della domanda la Questura rilascia una ricevuta in attesa del titolo di soggiorno.

Alla domanda è necessario allegare:

copia del passaporto o documento equipollente, in corso di validità

copia della dichiarazione dei redditi (il reddito deve essere superiore all'importo annuo dell'assegno sociale)

per i collaboratori domestici (colf/badanti): esibizione dei bollettini INPS o estratto contributivo analitico rilasciato dall'INPS

certificato casellario giudiziale e certificato delle iscrizioni relative ai procedimenti penali

un alloggio idoneo documentato se la domanda è presentata anche per i familiari

copie delle buste paga relative all'anno in corso; documentazione relativa alla residenza e allo stato di famiglia

bollettino postale di pagamento del permesso di soggiorno elettronico (€ 27,50)

contrassegno telematico da € 16,00

Il costo della raccomandata è di € 30.

Il permesso di soggiorno CE non può essere rilasciato a chi è pericoloso per l'ordine pubblico e la sicurezza dello Stato. La richiesta può essere presentata anche per il coniuge non legalmente separato e di età non inferiore ai diciotto anni; figli minori, anche del coniuge o nati fuori dal matrimonio, figli maggiorenni a carico che non possano permanentemente provvedere alle proprie indispensabili esigenze di vita in ragione del loro stato di salute che comporti invalidità totale; genitori a carico.

Per ottenere il permesso CE anche per i familiari, oltre ai documenti elencati sopra, è necessario: avere un reddito sufficiente alla composizione del nucleo familiare. Nel caso di due o più figli, di età inferiore ai 14 anni, il reddito minimo deve essere pari al doppio dell'importo annuo dell'assegno sociale; avere la certificazione anagrafica che attesti il rapporto familiare.

La documentazione proveniente dall'estero dovrà essere tradotta, legalizzata e validata dall'autorità consolare nel Paese di appartenenza o di stabile residenza dello straniero; il superamento di un test di conoscenza della lingua italiana; il giorno 9 dicembre 2010 è entrato in vigore, infatti, il Decreto del Ministro dell'Interno d'intesa con il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, del 4 giugno 2010, recante le "Modalità di svolgimento dei test di conoscenza della lingua italiana". Lo stesso decreto ha attribuito alle Prefetture - Uffici Territoriali del Governo le competenze relative alla ricezione delle richieste di svolgimento del test, alla convocazione dello straniero presso le sedi individuate ed alla acquisizione dell'esito ai fini della comunicazione alla Questura.

Il Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione ha predisposto un sistema informatico, di supporto alle Prefetture, che consente di ricevere le richieste degli stranieri, di organizzare lo svolgimento del test e di acquisirne gli esiti.

Tali attività sono dettagliatamente descritte dalla circolare n. 7589, diramata dal medesimo Dipartimento, il 16 novembre 2010. Sono esclusi dall'obbligo di sostenere il test, i figli minori di anni 14, anche nati fuori dal matrimonio, propri e del coniuge. Non è necessario effettuare il test della lingua italiana, qualora lo straniero sia in possesso di:

a) attestati o titoli che certifichino la conoscenza della lingua italiana ad un livello non inferiore al livello A2 del Quadro comune di riferimento europeo per la conoscenza delle lingue approvato dal Consiglio d'Europa, rilasciato dagli enti certificatori riconosciuti dal Ministero degli Affari Esteri e da quello dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca: Università degli Studi Roma Tre, Università per Stranieri di Perugia, Università per Stranieri di Siena e Società Dante Alighieri

b) titoli di studio o titoli professionali (diploma di scuola secondaria italiana di primo o secondo grado, oppure certificati di frequenza relativi a corsi universitari, master o dottorati)

c) riconoscimento del livello di conoscenza della lingua italiana non inferiore al livello A2

d) attestazione che l'ingresso in Italia è avvenuto ai sensi dell'art. 27, co. 1 lett. a), c), d), q) del decreto legislativo 286/98 e successive modificazioni

e) certificazione, rilasciata da una struttura sanitaria pubblica, nella quale sia dichiarato che lo straniero è affetto da gravi limitazioni alla capacità di apprendimento linguistico derivanti dall'età, da patologie o handicap".

Newsletter

 

Corsi e webinar di Ong 2.0

Lavorare nella cooperazione internazionale, il nuovo percorso di formazione 2017

outdoor-1807522 1
Dal risk management nei Paesi a rischio, all’amministrazione di un progetto; dal Project Cycle management, all’approccio di genere fino alle…