Logo
focsiv
Condividi

Non solo giochi o messaggistica. Le applicazioni sui nostri smartphone sono sempre più "intelligenti" e possono contribuire a salvare vite umane. Il sito Social Media 4 Good ha elencato le sette applicazioni più utili per gli operatori umanitari che operano in contesti di emergenza, noi ne abbiamo aggiunte tre per una top 10 speciale.

appLe applicazioni mobili per la cooperazione oggi sono moltissime e vengono usate in molti ambiti della cooperazione internazionale. Tra le più conosciute c'è Ushahidi, nata nel 2008 durante la crisi politica kenyota per monitorare il territorio segnalando via sms singoli episodi di violenza. Oggi il team di Ushaidi sta sviluppando Ping, app che permette alle persone di verificare lo stato dei propri cari qualora siano coinvolti in situazioni violente.

Molte di queste tecnologie sono supportate dalla telefonia mobile. Il sistema di scambio e organizzazione di informazioni tramite sms o messaggi istantanei continua ad avere grande importanza nelle situazioni di emergenza. Gsma ha recentemente sottolineato il ruolo chiave che tale tecnologia ricopre in Africa. Africa che, è bene ricordarlo, è il secondo mercato mondiale di telefonia mobile, subito dopo l’Asia, e il primo per tasso di crescita.

Ecco allora una lista di 10 app che è meglio conoscere per chi si occupa di cooperazione:

  1. Aid Worker Security - Raccoglie la situazione in tempo reale per ogni paese e indicazioni pratiche da seguire in caso di emergenza.
  2. ACAPS. Global Emergency Overview - E’ progettata per analizzare le situazioni di emergenza; raccoglie dati e indicazioni pratiche utili agli operatori umanitari.
  3. Humaniatarian Kiosk - Raccoglie informazioni sulle situazioni di emergenza in tutto il mondo e in tempo reale, anche senza connessione internet.
  4. Enketo - E’ un progetto open-source che prevede il funzionamento di una piattaforma di scambio di informazioni riguardanti ogni tipo di situazione, anche in mancanza di rete internet.
  5. ICRC -  Raccoglie in tempo reale informazioni, audio, video, foto e pubblicazioni, degli operatori della Croce Rossa Internazionale.
  6. IGDACS - E’ una community che raccoglie le segnalazioni di chi si trova in situazioni di emergenza.
  7. Natural Disaster Monitor -  Raccoglie le segnalazioni di terremoti, eruzioni vulcaniche, tifoni, maremoti. Ogni segnalazione viene coordinata dal sistema di allerta globale per i disastri naturali che assegna un colore a seconda del grado di emergenza (verde, rosso, giallo).
  8. Stormpins - Permette di allertare in tempo reale i componenti della community in caso di emergenza per disastri naturali, condividendo video, foto e commenti.
  9. Relief Central - E’ progettata per organizzare dati relativi ad ogni tipo di emergenza: connette i gruppi di utenti interessati e dà accesso ad un ampio bacino di informazioni.
  10. Ubalert - E’ un social network globale cui intervengono istituzioni, ong e singoli individui per lo scambio di informazioni in situazioni di emergenza

 

Leggi anche:

Social network per l'attivismo | L'eredità della primavera araba

Da Kibera a Mirafiori Sud, crowdmapping di successo

 

photo credit: NASA Goddard Photo and Video via photopin cc