Logo
focsiv
Condividi

"Ciò che ci rende uguali supera di gran lunga ciò che ci rende diversi". E' questo lo slogan di #stopthepity, un movimento che ha l'obiettivo di educare a rapportarsi senza pregiudizi alla narrazione delle storie dal continente africano.

stop the pityLa campagna Stop the Pity, lanciata dall'associazione Mama Hope all'ultimo festival SXSW di Austin,  mira a comunicare un'immagine non stereotipata dell'Africa, non vittima ma protagonista del cambiamento. Con uno storytelling basato sul divertimento e sulla dignità la campagna ha avuto un successo straordinario per la raccolta fondi dell’organizzazione

I video sono stati realizzati da Joe Sabia, artista digitale di New York insieme a Bryce Yukio Adolphson, regista e fotografo specializzato nel campo umanitario.

 In questa prima clip Alex, un bambino tanzaniano di 9 anni che ama i film d’azione, racconta la trama di “Commando” con Arnold Schwarzenegger. Alex si mostra subito come un bambino estremamente intelligente, pieno di fantasia e creatività. Il messaggio arriva chiaro e forte: l’Africa non ha bisogno della nostra pietà ma di opportunità per sviluppare tutto il suo potenziale. 

 

 

Ancora più esplicito nel denunciare con ironia lo stereotipo diffuso dai film di Hollywood pieni di uomini africani "violenti, amanti delle armi, che non sorridono mai e che credono che rimanere calmi sia stupido" è questo secondo video, tra i finalisti del DoGooder Video Awards 2012:

 

 

Leggi anche:

Cooperazione e campagne sociali, diffondete le buone notizie

Campagne sociali, storytelling visuale ma etico

Newsletter

 

Corsi e webinar di Ong 2.0

Lavorare nella cooperazione internazionale, il nuovo percorso di formazione 2017

outdoor-1807522 1
Dal risk management nei Paesi a rischio, all’amministrazione di un progetto; dal Project Cycle management, all’approccio di genere fino alle…