Logo
focsiv
Condividi

tesi immagini onlusVentuno Onlus, dodici fotografi, trentatré  questionari scritti e altrettante interviste telefoniche per capire quale sia il ruolo delle immagini nella comunicazione delle Onlus italiane. Questa ricerca fatta da Valeria Fioranti non è un’analisi sul contenuto delle immagini, ma sulle pratiche d’uso della fotografia da parte delle Onlus e sulle dinamiche che intercorrono tra Onlus e fotografi che collaborano con esse.

Nel suo elaborato Valeria ha cercato di comprendere come e se la comunicazione, le campagne di raccolta fondi, l’uso dei social network, i proventi ricevuti, i finanziamenti dal cinque per mille, i rapporti di genere all’interno degli uffici stampa, il campo di azione e la geografia degli interventi possano influire sulle pratiche d’uso delle immagini. Inoltre, ha indagato su come all’interno di queste pratiche i fotografi si rapportino con le Onlus.

Ha descritto le Onlus e le Ong come sistemi cooperativi attraverso il frame teorico della sociologia delle organizzazioni. In seguito ha approfondito alcuni aspetti normativi necessari per comprendere le basi di partenza della ricerca. Sono numeri impressionanti quelli relativi alla dimensione economica del settore non profit, tanto che le Onlus si trovano a essere in competizione tra loro. È quindi evidente quanto la comunicazione e l’identità visiva siano fondamentali: a tal proposito sono state descritte le modalità di comunicazione delle Ong italiane e il loro adeguarsi al web 2.0 attraverso dati e conclusioni appartenenti a ricerche recenti. La comunicazione delle Onlus è costituita anche dalle immagini, ed è fondamentale il rapporto con il fotogiornalismo e le sue pratiche. In questo contesto trova uno spazio importante il dibattuto tema delle immagini del dolore, affrontato anche nelle interviste, che viene approfondito attraverso le riflessioni d’importanti studiosi come: Susan Sontag e Luc Boltanski. Considerazioni cui si legano l’etica nel fotogiornalismo e i recenti dibattiti che coinvolgono i fotografi impegnati nel campo del non profit.

I temi descritti nei primi due capitoli sono legati alla ricerca e ai suoi risultati: l’individuazione di tre tipi di Onlus secondo l’attenzione rivolta da queste alla fotografia. Le tendenze che emergono legano l’attenzione per la fotografia ai proventi ricevuti, al campo di azione, al livello geografico d’intervento, alla composizione di genere degli uffici stampa. I fotogiornalisti che collaborano con le Onlus, sono descritti in un quadro che si rivela pressoché omogeneo, ma nel quale s’iniziano a delineare nuove direzioni per il fotogiornalismo grazie a strumenti come il crowdfunding.

Valeria Fioranti ha conseguito la laurea magistrale in Comunicazione Pubblica e Politica con la valutazione di 110 e lode presso l'Università di Torino.

Scarica la tesi.

Newsletter

 

Corsi e webinar di Ong 2.0

Lavorare nella cooperazione internazionale, il nuovo percorso di formazione 2017

outdoor-1807522 1
Dal risk management nei Paesi a rischio, all’amministrazione di un progetto; dal Project Cycle management, all’approccio di genere fino alle…